X
Skimbu è stato abbandonato, ma è stato sostituito da Tasc.it!

[AGGIORNATO]La mia risposta ad un giornalista del Corriere

Pubblicato da il giorno 18 ottobre 2010

closeQuesto articolo è stato pubblicato 4 anni 1 mese 7 giorni tempo fa e potrebbe contenere informazioni non più valide.

Corriere della Sera

Ho deciso di pubblicare questo strano articolo in una data precedente a quando l’ho iniziato a scrivere (in questo caso apparirà prima dell’articolo riguardo MediaTemple) in quanto è un articolo di risposta all’editoriale del giornalista Francesco Alberoni sul Corriere.

Per conoscere meglio questo giornalista, vi consiglio di visitare il suo sito e la sua pagina su Wikipedia.

Ecco la mia risposta, che gli ho mandato via mail tramite il suo sito. Se volete mi farebbe piacere che commentasse e direste la vostra, perchè è interessante, grazie.

(Ho deciso di rimuovere la mail scritta per “errori grammaticali”, comunque vi consiglio vivamente di leggere l’articolo di Alberoni)

AGGIORNAMENTO 1:

Ho deciso di ri-pubblicare il testo inviato al Prof. Alberoni:

Buongiorno,

questa è l’unica mail che ho trovato in internet per tentare di rispondere all’editoriale del sig. Alberoni “Ecco perchè chi ha talento oggi fa fatica a emergere”.

Ho 15 anni, mi chiamo Alberto, vengo da Parma e faccio l’istituto tecnico commerciale, e vorrei rispondere all’editoriale appena citato.

Concordo assolutamente in tutto ciò che ha detto il giornalista, ha detto cose che già si sapevano, ma le ha dette in un modo diverso dagli altri ed in pochissime righe, e questo mi ha sorpreso.

Il vero problema però penso però che sia proprio questo, troppe volte mi capita di leggere articoli di questo genere, la nuova generazione fatta di TV e giovani scadenti. Bisogna agire. Mi piace anche a me scrivere ed esporre i problemi che avvolgono la nuova generazione, ma se e quando lo faccio mi sento improduttivo, sento che le parole non servono a nulla, servono solo a rendersi conto che il problema c’è, ma non può essere risolto, e magari si tenta di proporre qualche soluzione, ma rimangono le solite parole incompiute.

I giornali dovrebbero mettere a caratteri cubitali in prima pagina i gravi problemi che stiamo attraversando, il parlamento (governo o parlamento al giorno d’oggi sono uguali: sono solo un ammasso di chiacchiere) dovrebbe lavorare duramente, parlare di meno ma soprattutto investire denaro (perchè alla fine, lo sappiamo, ci vuole sempre quello!) sui giovani e dove c’è bisogno.

Anche se sento che le mie parole non serviranno a nulla, vorrei ora parlare più specificatamente di me. Ho una grande passione per l’informatica (mi piace sviluppare siti web, tutt’ora gestisco un blog divenuto piuttosto famoso che tocca vari argomenti) e la tecnologica, anche se può essere poco modesto credo di essere uno dei pochi ad avere passione per qualcosa che non sia la TV o altre menate che servono a poco nella vita, e spesso mi sorprendo quando trovo il ragazzo appassionato di cucina o un mio coetaneo che sta ore al computer, non per perdere ore su Facebook ma per imparare e fare nuove cose (non solo lo sviluppo web, ma mi piace anche leggere articoli scientifici sul corriere della sera, oppure ad esempio ieri ho visto un video che spiegava come fare il gelato con l’azoto liquido, spiegato da un docente dell’Università della mia città, sono tutte cose interessanti, ed a mio parere, molto produttive).

Infine un ultima cosa: per produttivo io intendo tutto ciò che accresce la cultura e che un giorno ti servirà a qualcosa nella vita e nel lavoro.

Spero che abbia esposto tutto in un italiano corretto, dato che leggo spesso che noi giovani siamo analfabeti.

Cordiali saluti.

Alberto Ziveri

AGGIORNAMENTO 2: sinceramente non me l’aspettavo, ma il Prof. Alberoni ha risposto alla mia opinione riguardo al suo editoriale, e sono molto felice. Ecco la sua bellissima risposta, recapitatami da G.V.:

Caro Alberto , ti ringrazio di avermi scritto , ci sono molti giovani come te che in un altra epoca avvrebbero trovato delle imprese che davano una borsa di studio in modo da farti restare sempre all’avanguardia finche poi o in una inpresa o all’universita tu avresti potuto dare un contributo importante e magari viventare famoso. Oggi quasi tutta l’attenzione è assorbita dalla lotta per il potere politico non gli interessa altro. La televisione ha solo tre argomenti : la politica, la conanaca nera e i pettegolezzi . Cosa fare ? Mi sembra che tu abbia scelto la strada giusta, approfondire per conto tuo. Non stancarti, tienti in rapporto con chi ne sa più di te, con coloro che sono all’avnaguardia in qualsiasi parte del mondo . Percio impara perfettamente l’inglese anche a costo di andare a fare il lavapiatti a Londra o in una piccola citta dell’Inghilterra: Ci sono poi delle borse di studio di Intercultura per andare negli USA c’ è Erasmus,in Europa. Cerca e troverai, e farai molto molto bene . Un abbraccio tuo Francesco Alberoni

Anche se ha risposto a me, credo che questa risposta valga per tutti i giovani e tutti i giovani ne dovrebbero fare atto. Sono presenti, come noterete, alcuni errori di battitura, probabilmente perché mi ha scritto velocemente.

, 892 articoli pubblicati

Fin da quando ho 7 anni sviluppo siti web, amo l'informatica, la fotografia, la scienza e l'economia. Credo che il segreto del successo stia nel fare cose che altri non fanno. Nel 2008 ho fondato Skimbu, a cui ho voluto fin da subito dare una precisa immagine attraverso una grafica semplice, bella e unica e attraverso articoli di qualità e anch'essi unici. Poi son cresciuto, ora mi trovate su tasc.it, per maggiori info visitate il mio sito personale.

Visita il sito web di questo autore

Condividi l'articolo!

  • Matteo

    –> Il vero problema però penso però che sia proprio questo <–

    Bella figura di merda … prima di scrivere ad un giornalista, impara un pò di grammatica

    • http://www.skimbu.it Alberto Ziveri

      Di per sè hai ragione ed è un errore di grammatica, anche se in realtà è un errore di battitura e non ho ricontrollato, ho scritto questa mail in fretta perchè so già che non la leggerà mai.

      • Laura

        “Se volete mi farebbe piacere che commentasse e direste la vostra” -diceste-
        “ed in pochissime righe” -e in pochissime righe- (l’articolo ed si usa solo davanti a parole che iniziano per e)
        ” però penso però ”
        “Mi piace anche a me” -seconda o al massimo terza elementare-
        “tutt’ora”
        Per non parlare delle “menate” (la nostra lingua è ricca di sinonimi, era proprio necessario utilizzare quella parola in una risposta ad un giornalista?) e dell’aggettivo “produttivo” mai più invalso nella storia delle mail?
        Mi spiace, perché so che l’hai fatto con tutta la buona volontà, ma hai fatto fare una pessima figura a noi quindicenni…

      • http://www.skimbu.it Alberto Ziveri

        Hai ragione, ho sbagliato troppo, rimossa la risposta. Comunque sarebbe interessare discutere dell’articolo di Alberoni…
        Anche se la mia opinione credo la sappiate già.

      • Laura

        Sono assolutamente d’accordo con te, per questo gli sto rispondendo facendo attenzione alla grammatica;)

    • Laura

      “Medice cura te ipse”.
      Po’, non pò.

  • Francext

    Ma chi siete voi Dio?Il primo commento non è una critica, “bella figura di merda”!Ma con chi parlate, ma vi siete visti?Ha sbagliato, tutti sbagliano, ma arrivare a quel battutone….diceste naquessero, se fossi, ma però, ma chi menghia sete?Cretini idioti!Rispetto per Alberto!Dico solo questo!Massima volontà, e per sentire il primo commento dire così?Se ero io ve carcavo per bè!

    • Laura

      Suppongo che tu ti riferisca al commento di Matteo, non al mio.

  • mario

    Grande Alberto!! tu sei un genio e noi le merde!!

  • Giorgio

    Per Laura:

    “ed in pochissime righe” -e in pochissime righe- (l’articolo ed si usa solo davanti a parole che iniziano per e)

    da quando in qua “ed” è classificato come “aggettivo”. Una ripassata alle congiunzioni eufoniche?

    G.

    • Laura

      Visto che non sono una che impartisce lezioni senza essere totalmente certa di quello che dice, cito il mio dizionario Garzanti: “La cosiddetta d eufonica, quella cioè che dovrebbe migliorare il suono quando alla preposizione “e” segue una parola che comincia per vocale, va usata soltanto quando la parola seguente comincia per e: (una trafila di esempi…) ”
      Una ripassata alle congiunzioni eufoniche? :wink:

  • http://fabiogiopla.altervista.org/ Fabio Iotti

    Cavolo, sul serio?! Io ho sempre scritto “ed” quando la parola successiva iniziava per vocale!

    Questa cosa mi tornerà utile, non sbaglierò mai più! :-P

    • Laura

      Si, si. Sono in pochi a saperlo, purtroppo. Sicuramente prima o poi una prof dirà “ed albero” e tu la potrai smerdare (scusa per la finezza XD)

  • Giorgio

    Non sto parlando dell’uso della congiunzione “e” o “ed”, ma che confondi “congiunzione” con “articolo”.
    Rileggiamo cosa hai scritto:
    “ed in pochissime righe” -e in pochissime righe- (l’articolo ed si usa solo davanti a parole che iniziano per e).
    L’articolo o la congiunzione “ed” ???
    Una ripassata alle congiunzioni?? :wink:

Seguici per leggere

Prima di vedere il contenuto che stai cercando seguici su Facebook per scoprire sempre grandi articoli riguardanti la tecnologia, la scienza, l'innovazione, la moda e le tendenze. Abbiamo una filosofia unica e giovane, e ci serve il tuo sostegno.

Se non hai Facebook seguici su Twitter!

Non ho Facebook ne Twitter o vi seguo già