X
Skimbu è stato abbandonato, ma è stato sostituito da Tasc.it!
ESCLUSIVO

Intervista ad una casuale giapponese

Pubblicato da il giorno 29 marzo 2011

closeQuesto articolo è stato pubblicato 3 anni 5 mesi 5 giorni tempo fa e potrebbe contenere informazioni non più valide.

Abbiamo cercato in modo puramente casuale un giapponese su Twitter, abbiamo trovato una giapponese di nome Ayaka ( @ayaka1237 ), che abita a Kwaguchi City, nella regione di Saitama, in Giappone. Disposta a rispondere ad alcune domande riguardanti il terremoto e lo tsunami avvenuti all’inizio di Marzo, per sapere come veramente ha vissuto la situazione il popolo giapponese e per avere delle notizie direttamente da chi ha vissuto la tragedia.

La persona giapponese che abbiamo intervistato ci ha dato anche dei link di un blog in cui vengono elencati motivi secondo cui i terremoti son stati causati dall’uomo, e più precisamente dagli ebrei.

Tutte le notizie che arrivano dal Giappone e di cui veniamo a conoscenza passano sempre attraverso un filtro che rischia di cambiarle e di mutarle in notizie con significati differenti, questo filtro è creato dai giornali, dai mass media, dalla televisione ecc. Per questo abbiamo deciso di cercare in un modo totalmente casuale una persona giapponese in grado di rispondere ad alcune domande (in inglese, naturalmente). Le domande e le risposte sono già state tradotte in italiano.

È vero che la popolazione giapponese è rimasta calma dopo il terremoto e non è scoppiato il caos che sarebbe scoppiato in Europa con un disastro simile?

È vero, i terremoti in Giappone sono una routine quotidiana. E molti giapponesi sanno la verità.

Nella risposta a questa domanda Ayaka ci ha anche dato un link nel quale sono elencate tutte le scosse avvenute e secondo quel blog i terremoti sarebbero stati causati dall’uomo. È una ipotesi da non sottovalutare (anche se io personalmente credo che quando un male ti viene fatto spesso si ha la necessità di incolpare qualcuno, è risaputo che il Giappone è zona sismica, e quindi credo più alla scienza che alle teorie umane), e per approfondirla ti consiglio di leggere questo articolo in italiano.

Tu hai sentito il terremoto, cosa hai fatto dopo di esso?

Certo che l’ho sentito. Dopo il terremoto mi sono chiusa in casa per una settimana.

Hai sentito delle notizie di televisioni straniere? Pensi che abbiano descritto la realtà oppure, a tuo parere, sono stati troppo catastrofici?

Ne ho visti, ma per il nostro rammarico alcuni di essi non hanno detto la verità. Se vieni in Giappone puoi vedere tantissime televisioni presenti. In ogni caso sappiamo che voi pregate per il Giappone,  e questo ci ha fatto piangere di gioia.

Credi che il governo giapponese sia valido? Sta facendo un buon lavoro per evitare fughe radioattive e per risolvere la situazione?

No assolutamente. Senza dubbio non ci hanno detto come realmente stanno i fatti. E ora noi non sappiamo a chi credere.

Perchè il Giappone ha costruito molte centrali nucleari in un territorio molto sismico?

Sai perché non abbiamo una guerra civile? E puoi credere in questa opinione?

In questa domanda c’è una risposta un po’ scottante e poco interpretabile da parte di Ayaka, secondo il link che ci ha dato una minoranza ebrea starebbe cercando di applicare il vecchio testamento (come puoi capire anche l’articolo non è molto chiaro, cosa intende per “vecchio testamento”?) per prepararsi ad una guerra finale, per questo sarebbero loro a provocare i terremoti, le eruzioni vulcaniche ecc. In quell’articolo, che non credo sia molto credibile, viene quindi semplicemente affermato che c’è una coincidenza tra il calendario ebreo (e più precisamente la festività ebraica di Purim). Questo articolo fa riferimento chiaramente anche al link che ci ha dato precedentemente Ayaka dello stesso blog, secondo cui i terremoti sarebbero stati causati dall’uomo. Alla richiesta di un chiarimento per la sua risposta, Ayaka ci ha risposto:

Penso che questo terremoto sia stato causato dai desideri della gente, in poche parole, il Giappone è stato attaccato da qualcuno.

Credi che il Giappone uscirà presto da questa situazione? Tu sei ottimista?

Lo spero. Ma non penso di essere del tutto ottimista…

Credi ancora che l’energia nucleare sia la soluzione al problema energetico?

Si, certo! Non abbiamo abbastanza informazioni purtroppo per sapere se è la soluzione giusta. Ma questo problema è sempre più importante per tutto il mondo, e non dobbiamo dimenticare di pensarci.

Ringraziamenti

Ringrazio Ayaka per la sua immensa disponibilità, ringrazio anche l’autore Light per l’assistenza nelle traduzioni inglese>italiano e nell’interpretare al meglio gli articoli forniti da Ayaka.

, 898 articoli pubblicati

Fin da quando ho 7 anni sviluppo siti web, amo l'informatica, la fotografia, la scienza e l'economia. Credo che il segreto del successo stia nel fare cose che altri non fanno. Nel 2008 ho fondato Skimbu, a cui ho voluto fin da subito dare una precisa immagine attraverso una grafica semplice, bella e unica e attraverso articoli di qualità e anch'essi unici. Poi son cresciuto, ora mi trovate su tasc.it, per maggiori info visitate il mio sito personale.

Visita il sito web di questo autore

Condividi l'articolo!

  • http://twitter.com/MrNamelessIT Luke Skywalker

    Mhà…. non sono molto convinto…

  • Michiyo

    Mi sento relativamente infastidita da quello che è stato scritto. Voler cercare a tutti i costi una fantomatica teoria del complotto mi sembra oltremodo falso. Sei sicuro si trattasse di una giapponese e non del solito mitomane? A me tutto sembrava meno che una persona reale.
    Al di là del taglio che hai voluto dare all’intervista, che reputo superficiale, ritengo che qualsiasi giapponese, che al momento si trova in Giappone (e non solo) abbia attualmente molto di meglio a cui pensare che non andare a pescare teorie che sembrano meno probabili di un possibile contatto alieno domattina prima di colazione. Sinceramente ritengo che o sei stato incredibilmente sfortunato (e ti consiglio in futuro di usare più campioni da intervistare) posso dirti che non è affatto quello che pensano tutti e farci passare per un popolo complottista, paranoico e nazista, cosa che non siamo, è davvero meschino.
    Al di là di questo, c’erano molti aspetti che potevate evidenziare di tutto quello che è successo e avete scelto a mio parere nel modo peggiore.
    Mi spiace perché vi stimavo.
    Michiyo

  • Fabrizio

    Avete avuto la sfortuna di beccare, col metodo random, una giapponese non colpita personalmente dalle conseguenze (tsunami e rischio nucleare) e con le idee davvero poco chiare. Comunque una bella iniziativa… (Spero che anche voi autori e lettori nom crediate a tutte queste teorie complottistiche che non si reggono in piedi…)

  • Mirko

    Ma andiamo! Ma quali persone andate a pescare per queste interivste?! Come ha detto l’utente Michiyo sopra di me qualsiasi giapponese ha di meglio a cui pensare che a teorie oltremodo senza cervello per giustificare l’accaduto, come ai prorpi familiari che non ci sono più, alle case e ai luoghi che hanno perso, al colpo che ha ricevuto il proprio paese.
    Gradirei che in futuro vi guardaste bene da chi andate a pescare, perchè “abbiamo trovato per caso una giapponese su twitter” mi sembra una grande baggianata! Io allora ho trovato un sostenitore di Bin Laden per caso su Facebook che guardacaso dall’islam mi parla italiano che mi dice che tra un pò fanno esplodere il mondo! :O

  • http://www.skimbu.it Alberto Ziveri

    Risposta a tutti: credo di aver preso la persona giusta, come avete letto é comunque una persona che ha subito molto il terremoto in quanto é restata chiusa una settimana dopo il terremoto, inoltre abita vicino a Tokyo, che dista pochi kilometri da fukushima. Riguardo le sue idee é chiaro che nemmeno io credo a certe cose e che si tratta solo di opinioni di un blog giapponese.

    • Michiyo

      Alberto san, permettimi di dubitare della veridicità di questa persona proprio per quello che dici. O davvero hai preso un caso particolare, o mente. Ti assicuro che a Tokyo (dove abitano i miei genitori e buona parte dei miei conoscenti), Kanagawa, Saitama (ho un caro amico proprio in quella prefettura e siamo stati su skype tutto il weekend del terremoto) nessuno ha avuto così tanto panico da starsene in casa una settimana. Il lunedì c’era molta gente che anche con i treni in ritardo o annullati è andata al lavoro.
      Tra l’altro Tokyo dista 250 km da Fukushima, non molto ma nemmeno così vicina. E a Tokyo non ci sono stati morti e non ci sono stati danni seri per il terremoto. Lo stesso a Yokohama (Kanagawa-ken) e da quello che so anche a Saitama.
      Non dubito della tua buona fede, anche se non mi piace il tono generico dell’articolo, ma penso sinceramente che presentato come hai fatto tu induca nell’errore di credere che quello che questa vera o presunta persona dice sia l’opinione corrente che abbiamo della tragedia che ci ha colpiti.
      Detto questo, padrone di fare come credi, ma valuterei le tue fonti con un po’ di attenzione, anche perché forse non lo vedi come possiamo vederlo noi, ma non è molto lusighiero questo post… scusa la durezza, mi spiace se ho dato l’impressione di attaccare te personalmente, ma non è un momento semplice e certe cose un po’ feriscono.
      Michiyo

      • http://www.skimbu.it Alberto Ziveri

        Hai ragione su tutto, ma è proprio la casualità della scelta il motivo di questo post, la persona assicurata ti assicuro che è puramente Giapponese, mi ha detto persino il suo numero di casa e se vai sul suo profilo di Twitter ti rendi conto di che cultura è.
        Lo scopo di questo articolo non era parlare della tragedia e di intervistare una persona che ha sofferto tanto, facendogli delle domande per farla soffrire ancora di più.

        Riguardo il fatto che l’articolo può ferire beh.. Non ti devi lamentare con me, ma con l’intervistata, quella è un’opinione personale a cui, ripeto, nessuno di noi italiani (si capisce dai commenti) crede.

        Inoltre da quanto si è letto nei giornali danni seri per il terremoto, come dici te, non ci sono stati da nessuna parte. È stato lo tsunami a causare le migliaia di morti e in futuro le fughe radioattive.

  • stefano b.

    quanto sake aveva bevuto?

  • Giampi65

    il tempo le dara’ ragione….

  • Cdfgsghbsgb

    Come è successo in molti casi nella storia, anche ora si cerca di dare la colpa agli ebrei!
    Comunque per stare in tema di coincidenze, ve ne pongo una che ho trovato:
    11-09-01 (strage delle torri gemelle)
    10-03-11 (terremoto in giappone)
    ————- fate la somma e…..
    21-12-12 (data della fine del mondo secondo i maia)
    La prima volta che me l’hanno fatto vedere ci sono rimanso male, ma ripensandoci non è l’unico caso di coincidenza della storia!

  • Giampi65

    prova a dirlo ai Palestinesi se non anno colpa……mi fermo qua’,potrei andare avanti con altri esempi..,non ho voglia di trovarmi il mosad a casa!!!!!!

  • Giuseppe Altamura94

    Esclusivo? Bhe se prendere una persona giapponese a random su twitter e intervistarla è esclusivo….
    Teoria sugli ebrei ridicola… questa persona non sa nemmeno cos’è stato il terremoto in giappone… nessuno e dico nessuno si è chiuso in casa per una settimana…. RISPETTO X MICHIYO

  • OspiteDisgustato

    Ma andiamo, questa sarebbe un intervista veritiera?
    che buffonata immane!
    e scusate un attimo, da quando sapete pure il giapponese? ora non rispondetemi che sapeva l’italiano perchè non ha senso. avete preso una giapponesina a caso e sapeva l’italiano…. massuvvia!
    mi sento schifato da questo articolo, è un concentrato di razzismo e di informazioni false.
    e non dire che è colpa della ragazza, TU hai postato questo articolo. TU ti prendi le colpe. Potevi scremare l’articolo togliendo i riferimenti a gli ebrei, ma tu non l’hai fatto.
    ma poi leggendo i commenti hai scritto:
    <>
    Ma chi ti credi di essere? anche se la fonte l’hai inventata te, ti rendi conto di quello che scrivi?
    Proprio vero che per far successo si fa di tutto.
    Detto questo mi tolgo dai feed, mi avete deluso davvero tanto. mi piaceva questo blog perchè era gestito da ragazzi molto giovani che sapevano il fatto proprio, ma adesso capisco che siete cmq ancora bambini.

    • Anonimo

      Ti posso assicurare che l’intervista è veriteria. Noi non abbiamo tagliato niente perchè ci sembrava giusto così, poi che la fonte sia risultata poco attendibile è un altro discorso. Questo l’abbiamo appurato tutti… Motivo per cui mi sono offerto di fare la prossima intervista a qualcuno di attendibile dal momento che è un amico.

      Comunque, come potrai leggere alla fine dell’articolo, l’intervista è avvenuta in INGLESE e le conoscenze di lingua straniera dell’intervistata erano limitate per cui ci siamo adeguati anche a risposte limitate e concise. Nessuno qui sa il giapponese o millanta di saperlo. Dato che la Michiyo di cui leggi sotto è la mia migliore amica, fosse stata tenuta in giapponese mi sarei premurato di chiederle di fare da traduttore.

      Detto questo, ti assicuro che siamo dispiaciuti per l’accaduto e per l’intervista e sarà nostra premura recuperare con una più adeguata ad una fonte di cui garantisco personalmente la serietà. Hai perfettamente ragione riguardo allo sbaglio commesso, ma ti assicuro che questo tono non è necessario :)

  • Giampi_colus

    mA PORCA M,,,,MA SEINSTRONZO O COSA…..aooosveiateteeeee

Seguici per leggere

Prima di vedere il contenuto che stai cercando seguici su Facebook per scoprire sempre grandi articoli riguardanti la tecnologia, la scienza, l'innovazione, la moda e le tendenze. Abbiamo una filosofia unica e giovane, e ci serve il tuo sostegno.

Se non hai Facebook seguici su Twitter!

Non ho Facebook ne Twitter o vi seguo già