X
Skimbu è stato abbandonato, ma è stato sostituito da due grandi progetti: visita ora Tasc.it e Abits.it!

Social shopping: cos’è e come funziona

Pubblicato da il giorno 13 luglio 2011

closeQuesto articolo è stato pubblicato 2 anni 9 mesi 11 giorni tempo fa e potrebbe contenere informazioni non più valide.

Ti piace qualcosa, lo vuoi a tutti i costi ma il prezzo è troppo elevato. Cosa fai? La soluzione c’è e si chiama social shopping, ovvero un metodo di e-commerce che fonde assieme l’antico proverbio romano/etrusco “l’unione fa la forza”, il web e le potenzialità dei social networks.

Social Shopping: il lato umano del mercato

Il web, con il suo alto potenziale in termini di condivisione di contenuti, sta cambiando fortemente le dinamiche del mercato. La condivisione spalanca le porte alla partecipazione e alla aggregazione, che rendono il mercato più piacevole e vantaggioso. Il social shopping evidenzia proprio questo legame tra internet e convenienza. Cerchiamo di dare una definizione facile facile del fenomeno:

Il social shopping è una tipologia di commercio elettronico basata sulle cerchie di amicizia, con lo scopo di aumentare il numero degli interessati ad un determinato acquisto, producendo un vantaggio per il venditore e un vantaggio per gli acquirenti.

L’origine

Il fenomeno poggia le sue basi sul Tuángòu, strategia di origine cinese per cui una cerchia di conoscenti procede con un acquisto di gruppo presso un unico venditore.

Il funzionamento

Se tante persone sono interessate allo stesso oggetto (o servizio, come un viaggio), grazie alle enormi potenzialità dei social networks, possono coordinarsi e stringere legami tra loro così da presentare al venditore un unico complessivo ordine che per forza di cose, dato il numero di possibili clienti, determinerà uno sconto quantità. Ecco spiegati i vantaggi:

  • Gli acquirenti avranno accesso al servizio desiderato, ad un prezzo conveniente e inferiore rispetto ad un ordine avanzato singolarmente.
  • Il venditore venderà il proprio prodotto/servizio ad un elevato numero di persone, ben felice di abbassare il prezzo.

È chiaro che tutto questo meccanismo viene reso possibile dal ruolo di Facebook, Twitter, Google+, etc., servizi capaci di creare legami personali e fare gruppo.

Il social shopping in Italia

Sono diversi i siti che in Italia permettono il social shopping. Alcuni riguardano soltanto determinate categorie di servizi (ad esempio, Getbazza è una piattaforma specializzata nel mondo del divertimento), altri operano in alcune città selezionate (le principali). Vediamone alcuni:

  • Getbazza. Esce dal meraviglioso incubatore tecnologico H-Farm, e si specializza in acquisti di gruppo con riferimento al mondo del divertimento: ristorazione, aperitivi, cinema, concerti. Il suo spot è semplice quanto chiaro: “Acquistando insieme possiamo ottenere un prezzo esclusivo“.
  • Groupon. Unisce le parole “group” (gruppo) e “coupon” (buono sconto). Probabilmente il più conosciuto in Italia, è disponibile su gran parte del territorio nazionale con le sue offerte che riguardano i settori più disparati.
  • Jumpin. Ha una particolare attenzione alle offerte di vacanza e copre le maggiori città d’Italia.

Il web corregge il mercato

Personalmente ritengo che questo sia un esempio di come le nuove tecnologie migliorino l’esperienza reale di ognuno. L’antico proverbio “L’unione fa la forza” si veste di tecnologico e permette l’accesso ad un mercato più vantaggioso e concorrenziale.

Non è tutto oro quello che è social

Le truffe sono dietro l’angolo, sempre. È necessario informarsi sulla serietà delle offerte e diffidare da quelle “troppo belle per essere vere“. Ancora una volta il web, con i suoi contenuti aperti, con i suoi forum, giudizi e recensioni, può migliorare l’esperienza d’uso e aiutarci a non cadere in situazioni spiacevoli.

, 24 articoli pubblicati

Il mio nome è Altieri Gianmarco, classe 1988, vivo a Rovigo - Veneto. Ho conseguito la maturità tecnica commerciale (ragioniere programmatore) con votazione 100/100. Dopo una esperienza lavorativa in ambito bancario, sono tornato agli amati studi iscrivendomi al corso di laurea Studi internazionali ed Europei presso l'Università degli Studi di Padova - Facoltà di Scienze Politiche. Le mie grandi passioni sono l'economia, l'informazione, il web e la creatività. Nella mia tasca porto sempre qualcosa: il mio Mac, il mio Android, tante idee pulsanti e determinazione.

Visita il sito web di questo autore

Condividi l'articolo!

  • silvietta

    Secondo me il futuro è nel social media. Se ci si pensa conviene a tutti! Segnalo un altro progetto simile http://www.leccellenza.it, appena nato, tutto italiano, anzi tutto salentino.
    Fa parte dei social media, ma con uno spirito un po’ diverso, diciamo molto più spontaneo, lasciato all’iniziativa delle aziende e completamente gratuito per tutti. In più mi sembra punti molto più sulla condivisione, con la possibilità di votare le aziende (che hanno un vero e proprio profilo come tutti) e scambiarsi commenti e apprezzamenti sulle promozioni.
    Da vedere…

  • Pingback: Anonimo