X
Skimbu è stato abbandonato, ma è stato sostituito da Tasc.it!

OneFineStay: i nonhotel di Londra

Pubblicato da il giorno 16 dicembre 2011

closeQuesto articolo è stato pubblicato 2 anni 7 mesi 7 giorni tempo fa e potrebbe contenere informazioni non più valide.

Quando decidiamo di partire per le vacanze, dobbiamo naturalmente scegliere tra varie sistemazioni: hotel, appartamento, ostello, in tenda, sotto un ponte e così via. Se però la metà delle vacanze è la meravigliosa Londra, allora possiamo aggiungere alla lista anche i nonhotel (unhotel in lingua originale).

L’idea

Leggevo su Wired (sia sul sito che sulla rivista cartacea) che l’idea è nata da un’esigenza di uno dei fondatori, Greg Marsh. Marsh è un uomo d’affari e in quanto tale è abituato a viaggiare molto e a stare in alberghi costosissimi, ma questo gli imponeva dei limiti: non poteva vedere e scoprire la città e non godeva di una grande libertà.

Il 32enne racconta di essersi accorto che molte delle bellissime residenze che vedeva nel quartiere di Mayfair, situato nella zona centrale di Londra,  erano poco usate. Quindi perchè non sfruttarle per regalare un ottimo soggiorno a tutti coloro che cercano un’alternativa agli hotel a cinque stelle?

Foto presa da Wired.co.uk

Nel 2010 fonda, insieme a Tim Davey e Demetrios Zoppos, la sua startup che oggi conta ben 50 sistemazioni, sparse per la città, dove sentirsi a casa anche quando si è lontani da casa. Naturalmente i tre fondatori sono tipi ambiziosi quindi non solo sono sempre in cerca di nuove case da aggiungere alla loro lista, ma stanno per espandersi anche in altre città.

Le sistemazioni

Ma parliamo un po’ dei nonhotel, perchè in fondo sono questi il nucleo del progetto. I proprietari delle case che troviamo su OneFineStay non sono i fondatori della startup, ma persone che in quella casa di solito ci vivono. Scegliere appartamenti “abitati” fa parte della filosofia che ha ispirato il progetto, riassunta in questa frase:

It’s a home-away-from-home

Se fossero case vuote, non ci sarebbe quell’idea di vissuto, di casa familiare e non ci sarebbe nemmeno il tocco personale di chi ci abita. Insomma, sarebbe come un hotel.  Ovviamente i proprietari non saranno mai in casa nel periodo in cui soggiornano gli ospiti, altrimenti diventerebbe un bed & breakfast di lusso.

I prezzi? Naturalmente variano in base alla sistemazione e alla zona, quindi si va da un centinaio di sterline fino ad un migliaio.

I servizi

Casa a cinque stelle a parte, cosa offre OneFineStay?

Per non essere inferiori ad ogni albergo a cinque stelle che si rispetti, è disponibile il servizio in camera, grazie ad una convenzione con i ristoranti vicini, e naturalmente la sistemazione viene costantemente pulita e vengono forniti tutti i prodotti per il bagno. Su richiesta  viene riempito persino il frigorifero. Se per caso poi dovesse mancare qualcosa basterà fare una telefonata per poterla ottenere in breve tempo.

Ai clienti viene fornito anche un iPhone con chiamate locali gratuite e una serie di videoconsigli; inoltre ai proprietari poi viene chiesto di indicare i luoghi di interesse vicini, i pub, i ristoranti e via dicendo; in questo i clienti possono vivere la città e il quartiere proprio come fanno i veri residenti.

Le case

Come parlare dei nonhotel senza farvi vedere quanto sono belli? Ecco quindi qualche immagine delle case offerte da OneFineStay.

Conclusioni

OneFineStay è un progetto veramente interessante e dalla filosofia accattivante, sebbene i prezzi tendano ad essere proibitivi e quindi accessibili soprattutto ad un pubblico parecchio benestante.

Io vi ho riassunto alcune delle caratteristiche e dei servizi ma trovate un sacco di informazioni nella pagina dedicata alle FAQ. Ovviamente vi invito a visitare il sito web di OneFineStay, che in questi giorni si presenta in veste natalizia.

, 350 articoli pubblicati

24 anni, amante del cinema, drogata di serie TV, geek fino al midollo e videogiocatrice all'occorrenza. Inspiegabilmente laureata in Scienze e tecniche psicologiche e studentessa alla magistrale di Psicologia Clinica, dello Sviluppo e Neuropsicologia. Editor e podcaster su Skimbu.it, autrice per Androidworld.it.

Visita il sito web di questo autore

Condividi l'articolo!

  • Lorenzo

    Molto interessante :)

  • Lcdatti

    Volevo chiedervi se potevate recensire un App per iOS e Android di nome Path. E’ bellissima. http://path.com/

    • Erika

      Volevamo fare un confronto tra quella per iPhone e quella per Android ma sfortunatamente non è compatibile con il mio smartphone, quindi dipende dagli altri autori Android-muniti :)

      • Stefano Campagna

        Provvederò quanto prima a verificare se l’applicazione sia compatibile con il mio smartphone! Spero di poterla recensire quanto prima, grazie comunque della vostra partecipazione!

    • Stefano Campagna

      E’ compatibile con il mio dispositivo, quindi quanto prima la recensirò, spero con un confronto, non dovrebbe essere difficile dal momento che mio fratello possiede un iPhone :)
      A presto!

Seguici per leggere

Prima di vedere il contenuto che stai cercando seguici su Facebook per scoprire sempre grandi articoli riguardanti la tecnologia, la scienza, l'innovazione, la moda e le tendenze. Abbiamo una filosofia unica e giovane, e ci serve il tuo sostegno.

Se non hai Facebook seguici su Twitter!

Non ho Facebook ne Twitter o vi seguo già