X
Skimbu è stato abbandonato, ma è stato sostituito da due grandi progetti: visita ora Tasc.it e Abits.it!

Fenomenologia del Trash #1 – Quando la Musica Si Suicida

Pubblicato da il giorno 24 febbraio 2012

Il gene del trash, si sa, non ce l’hanno tutti, fortunatamente però questo è un genere che attira tutti: più è bello, più ci piace, dice il detto popolare, ma più è spazzatura, più ci incuriosisce, perciò Skimbu da vita ad una nuova rubrica chiamata Fenomenologia del Trash. Dopo il vostro caloroso responso all’articolo di Pako, ogni venerdì vi proporremo dei fenomeni del web, distintisi per la loro -chiamiamola così- particolarità in gusto dell’orrido.

Cosa può succedere alla musica se si aggiunge un po’ di trash?

Fenomenologia del Trash, La Genesi

Chi ci legge assiduamente, sa che il weekend su Skimbu è all’insegna del buonumore; se siete annoiati, il sabato sera Erika vi prepara qualcosa di interessante da guardare, mentre la domenica la premiata ditta Pakika (Pako ed Erika) vi tiene compagnia con una sana dose di risate. E allora cos’è la Fenomenologia del Trash?

La scienza, argomento molto caro a Skimbu, incontra alcuni dei più curiosi fenomeni del web (o meno), che si sono contraddistinti per la loro particolarità, per la loro assurdità. Questa rubrica si propone di darvi, ogni venerdì, una visione particolare di personaggi, video, trasmissioni, qualsiasi cosa, che può essere catalogato con la parola “trash”.

Trash, dall’inglese, spazzatura, è presente nel nostro linguaggio di ogni giorno quando ci si rivolge ad una produzione artistica di basso profilo culturale.

Dopo aver presentato un po’ meglio la rubrica, non mi dilungo ancora con le chiacchiere e do il via alla presentazione e analisi dei cinque video scelti per voi per quest oggi.

Tahdon Olla Sulle Hellä – Finlandia Vintage

Armi Ja Danny sono un duo finlandese che nel 1978 diviene famoso col singolo Tahdon olla sulle hellä, tradotto poi in inglese con I Wanna Love You Tender; la canzone, una ballata simil-neomelodica dove due amanti si scambiano le loro promesse di amore tenero, riscuote successo in tutto il mondo grazie a Youtube, diventando un tormentone del web. Tutto merito del video, che sfida la prospettiva e Martha Graham, che dal Paradiso della Balletto si auto-maledice per aver dato i natali alla danza moderna, utilizzata in maniera molto vaga in questo video.

Immagine anteprima YouTube

Pens’ Semp’ a Iss – A Napoli ci si Arrangia

Maria Nazionale, conosciuta nel mondo per la partecipazione al film Gomorra e per essersi esibita sul palco di Sanremo con Nino D’Angelo, uno dei capostipiti del neomelodico made in Napulè, ha una brillante carriera di cantante, un po’ meno come ideatrice di video; girato nella vecchia stazione di Napoli prima della ristrutturazione, Maria canta di pensare sempre a isso e lo ribadisce coinvolgendo nel suo progetto due ballerine assolutamente random che si muovono semi-soavemente in una simil lap dance con i pali della circumvesuviana, mentre una signora con gli occhiali e vestito fiorato, probabilmente la madre, la cugina zitella, ai posteri l’ardua sentenza, insegue il treno in rallenty.

A coronare l’idillio mostrato in questo video nientepopòdimenoche il figlio della cantante, indiscusso protagonista della canzone.

Immagine anteprima YouTube

Jozin Z Bazin – Dalla Palude con Furore

Quando si dice che certe persone “bucano lo schermo”…alcune lo fanno davvero.

Premetto che non avevo idea fosse stata tradotta, e quando l’avevo inserito in scaletta questo video era già comico di per sé, grazie alla sua melodia ricercata, grazie all’ambiente anni ’70, grazie allo status di sex symbols presenti in questo video. Poi non so come, ho trovato la versione sottotitolata in italiano, e improvvisamente tutto ciò che volevo dire su questo video sembra svanito.

Immagine anteprima YouTube

Voglio Essere Porca – Pudici per Caso

Ve la ricordate Syusy Bladi? Quella simpatica signora che su Rai Tre andava in giro con l’ex marito per il mondo conosciuto o meno nella trasmissione “Turisti Per Caso”? Beh, se no, non importa. Questa è la canzone che ogni donna canta al proprio uomo, una canzone da cantare in autobus nelle gite verso Medjugorje, insomma: dovunque, purché si ascolti.

La versione seguente è un videomontaggio del brano con un videoclip della cantante Björk, nota icona della musica alternativo-sperimentale, che speriamo non veda mai questo link.

Immagine anteprima YouTube

Bad Romance All’Italiana – Il Reparto Geriatria Presenta

Tutti voi si sono ritrovati a canticchiare, almeno una volta nella vita, la celebre colonna sonora dello spot Patasnella, una canzone che faceva “bambina piccolina, patatina, dal naso piccolino, patatino…” ; ecco, Wilma de Angelis, considerata la reginetta del jazz italiano, è una celeberrima cantante italiana anche grazie alla cover di Patatina, presentata al festival di Sanremo. Ma, come cantava un’altra grande icona del bel canto “non ho l’età…non ho l’età…” e infatti, la signora Wilma entra in questa classifica per essersi sottoposta ad un malvagio gioco della RAI: Bad Romance di Lady Gaga interpretata in un italiano random. Vedere una signora di una certa età che canta di volere un uomo selvaggio, rude e tutto suo, mentre le inquadrature da film horror voltano ad un primo piano dell’esecutrice con gli occhi sgranati dopo il suo minaccioso “dimmi di sì” e stacchi sulle ballerine spastiche, lo rendono un autentico minuto di trash.

Immagine anteprima YouTube

, 24 articoli pubblicati

Ho 22 anni e volevo fare Miss Italia, la mamma non voleva e sono diventata così: ho studiato Lingue, vivo temporaneamente all'estero. Mi interesso di nuove fenomenologie virtuali sociali, mi piace scoprire nuovi portali, adoro ascoltare moltissima musica e recensirla. Scrivo dovunque, comunque, nel modo più italiano e lineare possibile. Non potrei vivere senza Youtube.

Visita il sito web di questo autore

Condividi l'articolo!

  • https://twitter.com/davidemagnaghi Davide Magnaghi

    Il titolo della rubrica è davvero bellissimo: una parola filosofica come “fenomenologia” accostata al Trash fa un certo effetto!