X
Skimbu è stato abbandonato, ma è stato sostituito da Tasc.it!

Quando un numero diventa musica

Pubblicato da il giorno 12 marzo 2012

closeQuesto articolo è stato pubblicato 2 anni 6 mesi 7 giorni tempo fa e potrebbe contenere informazioni non più valide.

Che matematica e natura siano strettamente collegate tra loro non è certo una novità. Basti pensare, ad esempio, alla correlazione tra sezione aurea (1,618) e dimensioni del corpo umano (di cui le famose opere “L’uomo di Vitruvio” di Leonardo da Vinci e “La Venere” del Botticelli  ne sono la prova), oppure a quella tra successione di Fibonacci (1,1,2,3,5,8,13,21…) e le dimensioni delle spirali create dalle conchiglie di alcuni molluschi, come ad esempio il Nautilus. Ma mai prima d’ora si era tentato di mettere in musica una delle costanti della matematica e della geometria, ossia il famosissimo π, o pi greco.

Questo è quello che ha tentato di fare (a mio parere con successo) Michael John Blake, jazzista e compositore polistrumentista di origini canadesi. L’idea di fondo è geniale: trasformare note e accordi musicali in numeri (Do->1, Re->2, etc.) e mettere in musica il π, costante matematica composta da infiniti numeri decimali. Ovviamente Blake ha deciso per il suo scopo di utilizzarne un numero ridotto, ossia 31 decimali: 3,1415926535897932384626433832795.

Quello che ne è nato è la prova che in natura tutto si crea in modo armonico, e che noi uomini nella maggior parte dei casi non dovremmo fare altro che cercare di interpretare ed imitare madre natura. Ma lascio a voi il giudizio (vi consiglio di vedere il filmato fino alla fine).

Immagine anteprima YouTube

, 15 articoli pubblicati

Carrarese di nascita, Pisano di adozione. Accanito lettore, androidiano convinto, assolutamente geek. Appassionato di scienza e di musica. Amo il mio lavoro, scrivere e i Jamiroquai. Ah...fisioterapista, ma solo nel tempo libero... ;)

Visita il sito web di questo autore

Condividi l'articolo!

  • Lorenzo

    Scusa ma che significa che tutto in natura si crea in modo armonico?

    • http://www.skimbu.it/ Gabriele Pucciarelli

      Stefano ha risposto con termini molto più scientifici e concreti di quelli con cui avrei risposto io: il concetto è proprio questo.

Seguici per leggere

Prima di vedere il contenuto che stai cercando seguici su Facebook per scoprire sempre grandi articoli riguardanti la tecnologia, la scienza, l'innovazione, la moda e le tendenze. Abbiamo una filosofia unica e giovane, e ci serve il tuo sostegno.

Se non hai Facebook seguici su Twitter!

Non ho Facebook ne Twitter o vi seguo già